Nino Lacagnina
modellazione e senso nella raffigurazione simbolica
 
un lieu de rencontre
pour l'Art et de Créativité…
informations sur l'artiste
 
les textes sont présentés avec les langues proposées par l'auteur
profil
salle sculpture et design
Italia (Italie) 




Nino Lacagnina vive ed opera in Caltanissetta.
Ha partecipato a numerose mostre in sede e nel territorio regionale in occasione delle quali, le sue opere sono state molto apprezzate sia dal pubblico sia dalla critica.
La sua maggiore aspirazione è di godere sempre del mondo dell’Arte.

pour envoyer un message à l'Artiste

 

galerie principale


critiques et commentaires

“la scultura di Nino Lacagnina è un’arte che suscita forti emozioni: emozioni di ogni tipo, sentimenti di fortezza, tristezza e di letizia…così, il linguaggio plastico si fa poesia, si fa racconto di se, diventa diario della storia di grandi e sconfinati paesaggi interiori …questo autentico artista ha raggiunto con l’arte un amplesso così profondo e così vero, da renderlo quasi testimone dei misteri sconosciuti del mondo dell’Estetica…”

Vincenzo Piccione D’Avola
critico letterarioe d’arte

“Nino Lacagnina non si preoccupa di mantenere un’immagine caratteristica di fronte agli occhi del pubblico…le sue opere sono improntate da una raffinata modellazione e dal senso della loro significazione simbolica… dalla sua arte nascono immagini di desiderio e figure di sogno… a lui è riconosciuta la capacità di avere estratto dalla Storia Dell’Arte un modo nuovo di riutilizzazione dell’argilla e di renderla espressione di un linguaggio tra i più interessanti e originali del nostro tempo”

Michele Zagarella
corrispondente letterario e d’arte

Lo scultore Nino Lacagnina ci regala immagini piene di significati e ricordi in una sorta di penetrante dialogo con la natura che si snoda e prende il volo fino a raggiungere un’originale versione poetica. Nel plasmare le sue opere - infatti-è consapevole di realizzare un’azione cosciente del passato e del presente, interrogandosi in continuazione sui luoghi del silenzio e del sublime, segnati dai giorni e dagli attimi, frammisti a ricordi di viaggio in paesi fantastici con culture diverse. Così crea sculture, veri gioielli d’arte, che servono a dare risposte a se stesso, al suo modo di intendere e di vivere, sul come ascoltarsi e fortificarsi, traendo da esse la certezza e originando una dialettica tra rappresentazione ed evocazione, tra sogno e poesia, tra suggestione ed essenzialità.

Emanuele Zuppardo
critico d’arte

non seulement visual

Nino Lacagnina
les oeuvres dans la salle de lecture